News

agosto 17
aprile 17
marzo 17
maggio 15
aprile 15
marzo 15
novembre 14
ottobre 14
luglio 14
giugno 14
maggio 14
aprile 14
marzo 14
febbraio 14
gennaio 14
dicembre 13
novembre 13
ottobre 13
settembre 13
luglio 13
giugno 13
maggio 13
aprile 13
marzo 13
febbraio 13
gennaio 13
dicembre 12
novembre 12
ottobre 12
settembre 12
luglio 12
giugno 12
maggio 12
aprile 12
marzo 12
febbraio 12
gennaio 12
dicembre 11
novembre 11
ottobre 11
settembre 11
agosto 11
luglio 11
giugno 11
maggio 11
aprile 11
marzo 11
febbraio 11
gennaio 11
dicembre 10
novembre 10
ottobre 10
settembre 10
agosto 10
luglio 10
giugno 10
maggio 10
aprile 10
marzo 10
febbraio 10
gennaio 10
dicembre 09
novembre 09
ottobre 09
luglio 09
maggio 09
aprile 09

Sicurezza del lavoro: soppressione dell’Ispesl e dell’Ipsema e trasferimento di tutte le funzioni all’Inail. ( 23-06-2010)


A distanza di circa due anni dall’entrata in vigore del Testo Unico in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, n. 81/08, successivamente modificato ed integrato per opera del correttivo n. 106/09, la particolare disciplina prevenzionistica ha subito una significativa evoluzione in materia di sistema istituzionale così come previsto dall’art. 5 della succitata disciplina.

 

La rivoluzionaria novità è da ascrivere al decreto legge del 31 maggio 2010 n. 78 con il quale è stata disposta la soppressione immediata dell’Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) e dell’Ispema, per il settore marittimo, con il trasferimento delle relative competenze all’Inail, divenuta così il nuovo polo della sicurezza.

 

Non può omettersi di evidenziare come la predetta scelta era stata paventata già nelle precedenti legislature in relazione alla necessità di procedere ad una effettiva razionalizzazione del sistema istituzionale e ad una concentrazione delle funzioni in capo ad un unico soggetto pubblico, quale appunto l’Inail, capace di una gestione integrata dei diversi profili della salute e sicurezza sul lavoro e, soprattutto, dotato di una diffusione capillare sul territorio.

 

Non poche perplessità e critiche sono derivate in relazione ai tempi ed ai modi di attuazione della succitata soppressione, adottata con il Dl. n. 78/2010 senza la previsione di un regime transitorio, a decorrere dal 1 giugno 2010.

 

Tale provvedimento è stato presentato al Parlamento per la conversione in legge che, com’è noto, dovrà avvenire entro 60 giorni dalla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

 

In virtù di quanto evidenziato l’Inail, oltre a svolgere le proprie funzioni, avocherà a sé tanto quelle svolte dall’Ispesl quanto quelle dell’Ipsema e che risultano puntualmente elencate al comma 5 dell’art. 9 d. lgs. n. 81/08.

 

In assenza per il momento di concrete istruzioni operative da parte dell’Inail regna, come fisiologica conseguenza, uno stato di forte incertezza sia sugli uffici competenti che sulle procedure da osservare.

 

Volendo trarre le conclusioni del nuovo quadro operativo promanante dal Dl n. 78/2010 si può sicuramente affermare che da oggi tutte le funzioni istituzionali prevenzionali sono da ascrivere in capo ad un unico soggetto, l’Inail, ad eccezione della sola vigilanza che rimane ben salda in capo alle Asl ed in via integrativa alle Direzioni Provinciali del Lavoro.