News

August 17
April 17
March 17
May 15
April 15
March 15
November 14
October 14
July 14
June 14
May 14
April 14
March 14
February 14
January 14
December 13
November 13
October 13
September 13
July 13
June 13
May 13
April 13
March 13
February 13
January 13
December 12
November 12
October 12
September 12
July 12
June 12
May 12
April 12
March 12
February 12
January 12
December 11
November 11
October 11
September 11
August 11
July 11
June 11
May 11
April 11
March 11
February 11
January 11
December 10
November 10
October 10
September 10
August 10
July 10
June 10
May 10
April 10
March 10
February 10
January 10
December 09
November 09
October 09
July 09
May 09
April 09

SICUREZZA SUL LAVORO: I PONTEGGI ( 17-12-2010)


Sul sito www.prevenzionecantieri.it – un portale informativo collegato al Piano Nazionale di Prevenzione in Edilizia – sono stati pubblicati i risultati di un progetto di ricerca, finanziato dal Dipartimento Tecnologie di Sicurezza dell’ ISPESL, relativo ai ponteggi metallici di facciata.
La ricerca dal titolo “ I ponteggi metallici fissi di facciata utilizzati nei cantieri temporanei o mobili. Le nuove norme di prodotto: aspetti tecnici e legislativi”, a cura di N . Baldassino e R. Zandonini, si è proposta di “fornire un contributo ad alcune delle problematiche tipiche della progettazione dei sistemi di ponteggio”.
In particolare “lo studio ha considerato tre tipologie di ponteggio a telai prefabbricati, con telaio aperto, a portale, di produzione italiana:
1. ponteggio Carpedil tipo A31/2500 con telaio a spinotti;
2. ponteggio Carpedil tipo A33/2500 con telaio a boccole;
3. ponteggio Dalmine “REALPONT EU 92”, Tipo “Portale 105 a boccole” con tavole metalliche PD-FAP”.
La ricerca si è sviluppata attraverso una parte sperimentale, una parte numerica e, infine, una parte gestionale .
Nella fase sperimentale viene affrontato il problema della risposta dei diagonali di facciata. Obiettivo di questa parte è dunque “la definizione di una legge semplificata spostamento-azione assiale associata ai diagonali, visti come parte integrante del sistema di facciata”.
La fase numerica della ricerca si è occupata invece dello “studio della risposta dei sistemi intelaiati attraverso lo sviluppo di analisi numeriche condotte mediante i codici calcolo Ansys e PEP micro”.

La procedura gestionale progettata infine“si propone come strumento dedicato alla raccolta ordinata dei parametri necessari alla scrittura del codice di input dati nel linguaggio di macroprocedura caratteristico del programma ad elementi finiti che si intende utilizzare”.

Un’ultima parte della ricerca viene inoltre dedicata agli sviluppi futuri, in particolar modo su come l’articolata risposta dei sistemi di ponteggio “lascia aperti innumerevoli fronti sui quali ancora investigare, sia dal punto di vista numerico, sia dal punto di vista sperimentale”.

In futuro l’eventuale estensione sistematica di questi studi ad una più ampia gamma di tipologie di ponteggio “permetterebbe di trarre delle indicazioni utili ai fini progettuali sicuramente più esaustive riguardo alla risposta complessa di queste strutture”.