News

agosto 17
aprile 17
marzo 17
maggio 15
aprile 15
marzo 15
novembre 14
ottobre 14
luglio 14
giugno 14
maggio 14
aprile 14
marzo 14
febbraio 14
gennaio 14
dicembre 13
novembre 13
ottobre 13
settembre 13
luglio 13
giugno 13
maggio 13
aprile 13
marzo 13
febbraio 13
gennaio 13
dicembre 12
novembre 12
ottobre 12
settembre 12
luglio 12
giugno 12
maggio 12
aprile 12
marzo 12
febbraio 12
gennaio 12
dicembre 11
novembre 11
ottobre 11
settembre 11
agosto 11
luglio 11
giugno 11
maggio 11
aprile 11
marzo 11
febbraio 11
gennaio 11
dicembre 10
novembre 10
ottobre 10
settembre 10
agosto 10
luglio 10
giugno 10
maggio 10
aprile 10
marzo 10
febbraio 10
gennaio 10
dicembre 09
novembre 09
ottobre 09
luglio 09
maggio 09
aprile 09

SICUREZZA SUL LAVORO: LE NOVITA’ INTRODOTTE DAL D.LGS. 106/2009 IN MATERIA DI DISTANZE DI SICUREZZA ( 20-12-2010)


Il Decreto Legislativo 106 del 2009 ha introdotto diverse modifiche e correzioni al Testo Unico 81 del 2008.
 
In materia di distanze di sicurezza, il nuovo Decreto non ha apportato modifiche sostanziali, ma le previsioni normative sono state razionalizzate raggruppandole per categorie di “tensione nominale”.
 
Secondo quanto disposto dal nuovo decreto dunque, è importante indicare tali distanze al netto di eventuali ingombri previsti per la tipologia di intervento o delle attrezzature utilizzate, oppure valutare alcune tolleranze cautelative nelle zone in cui le condizioni climatiche possono modificare la posizione delle condutture elettriche.
 
Nei cantieri edili le nuove indicazioni devono essere integrate con quanto riportato all’articolo 117 (Titolo IV, Capo II, Sezione II) in cui la “distanza di sicurezza deve essere opportunamente valutata per ogni specifico caso.
 
Il nuovo D.lgs 106 del 2009 comunque riporta nell’allegato IX le indicazioni principali relative alle distanze di sicurezza da “osservarsi nell’esecuzione di lavori non elettrici, al netto degli ingombri derivanti dal tipo di lavoro, delle attrezzature utilizzate e dei materiali movimentati, nonché degli sbandamenti laterali dei conduttori dovuti all’azione del vento e degli abbassamenti di quota dovuti alle condizioni atmosferiche”.