News

agosto 17
aprile 17
marzo 17
maggio 15
aprile 15
marzo 15
novembre 14
ottobre 14
luglio 14
giugno 14
maggio 14
aprile 14
marzo 14
febbraio 14
gennaio 14
dicembre 13
novembre 13
ottobre 13
settembre 13
luglio 13
giugno 13
maggio 13
aprile 13
marzo 13
febbraio 13
gennaio 13
dicembre 12
novembre 12
ottobre 12
settembre 12
luglio 12
giugno 12
maggio 12
aprile 12
marzo 12
febbraio 12
gennaio 12
dicembre 11
novembre 11
ottobre 11
settembre 11
agosto 11
luglio 11
giugno 11
maggio 11
aprile 11
marzo 11
febbraio 11
gennaio 11
dicembre 10
novembre 10
ottobre 10
settembre 10
agosto 10
luglio 10
giugno 10
maggio 10
aprile 10
marzo 10
febbraio 10
gennaio 10
dicembre 09
novembre 09
ottobre 09
luglio 09
maggio 09
aprile 09

Energie rinnovabili, emanata la circolare "Salva-DIA" ( 19-12-2010)

Il Dipartimento per l'Energia del Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato il 15 dicembre la circolare "Salva-Dia" che chiarisce alcuni aspetti applicativi dell'articolo 1-quater della legge 13 agosto 2010, n. 129 relativo alle procedure di autorizzazione per la realizzazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili avviate mediante Denuncia di Inizio Attività (DIA).
 

Il Dipartimento per l'Energia del Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato il 15 dicembre la circolare "Salva-Dia" che chiarisce alcuni aspetti applicativi dell'articolo 1-quater della legge 13 agosto 2010, n. 129 relativo alle procedure di autorizzazione per la realizzazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili avviate mediante Denuncia di Inizio Attività (DIA).

L'articolo 1-quater della legge 13 agosto 2010, n. 129 è intervenuto per garantire la validità delle iniziative intraprese a seguito della dichiarazione di illegittimità costituzionale di alcune leggi regionali che prevedevano, per l'accesso alla procedura di DIA, soglie di potenza più elevate di quelle stabilite dalla normativa statale.

L'articolo 1-quater della legge 13 agosto 2010, n. 129 stabilisce che gli effetti della Dia sono salvi per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili e realizzati con Denuncia di inizio attività (Dia) in conformità alle leggi regionali, anche se di potenza superiore ai limiti nazionali fissati nell'allegato A del D.Lgs 387/2003.

Questo però a condizione che tali impianti entrino in esercizio entro il 16 gennaio 2011, cioè entro 150 giorni dall'entrata in vigore della legge 129/2010.

Alcune leggi regionali che prevedevano, per l'accesso alla procedura di DIA, soglie di potenza più elevate di quelle stabilite dalla normativa statale erano state dichiarate illegittime dalla Corte Costituzionale, e l'articolo 1-quater della legge 129/2010 è intervenuto per garantire la validità delle iniziative intraprese.

Due le questioni affrontate nella circolare:

- se le DIA avviate in conformità a disposizioni regionali dichiarate incostituzionali possano o meno conservare la loro efficacia anche qualora i relativi impianti non riescano ad entrare in esercizio entro il termine previsto dalla legge;

- e se lo status di avanzamento della costruzione degli impianti possa avere qualche valenza a tale scopo.

La circolare ministeriale precisa che gli effetti di salvaguardia scaturenti dal dettato dall'art. 1-quater hanno per oggetto esclusivamente: “(i) le DIA che, alla data di pubblicazione delle rilevanti pronunce di incostituzionalità, non si erano ancora perfezionate in quanto sospeso il termine di 30 giorni [...]; (ii) le DIA per le quali, alla data di pubblicazione delle rilevanti pronunce di incostituzionalità, erano ancora pendenti i termini per la proposizione di un ricorso giurisdizionale al competente Tar […]; o (iii) le DIA che, alla data di pubblicazione delle rilevanti pronunce di incostituzionalità, ovvero in seguito delle stesse, risultavano oggetto di un ricorso giurisdizionale al competente Tar […]”.

Pertanto, chiarisce la circolare, “deve dunque ritenersi che le DIA perfezionatesi e divenute inoppugnabili prima delle pronunce di incostituzionalità [...] conserveranno la loro efficacia, anche qualora i relativi impianti non riuscissero ad entrare in esercizio entro il 16 gennaio 2011 e, di conseguenza i progetti, una volta completati, avranno diritto ad essere connessi alla rete e saranno pertanto idonei a ricevere i relativi incentivi (Conto Energia)”.

Ministero dello sviluppo economico, circolare 15 dicembre 2010

di Cinzia De Stefanis