News

August 17
April 17
March 17
May 15
April 15
March 15
November 14
October 14
July 14
June 14
May 14
April 14
March 14
February 14
January 14
December 13
November 13
October 13
September 13
July 13
June 13
May 13
April 13
March 13
February 13
January 13
December 12
November 12
October 12
September 12
July 12
June 12
May 12
April 12
March 12
February 12
January 12
December 11
November 11
October 11
September 11
August 11
July 11
June 11
May 11
April 11
March 11
February 11
January 11
December 10
November 10
October 10
September 10
August 10
July 10
June 10
May 10
April 10
March 10
February 10
January 10
December 09
November 09
October 09
July 09
May 09
April 09

LAVORI USURANTI: MAGGIORI DIRITTI PER I LAVORATORI ( 07-03-2011)


Dopo esser stato approvato dal Consiglio dei Ministri arriva alla Commissione Lavoro della Camera dei Deputati lo schema di decreto legislativo che ridefinisce la mappa dei lavori usuranti.

Il decreto ha il fine di regolare l’accesso al pensionamento anticipato per lavoratori addetti a mansioni particolarmente gravose.

Secondo questo schema è prevista la possibilità di andare in pensione con tre anni di anticipo per alcune tipologie di lavoro tra i quali quelli svolti in ambienti che costringono a condizioni di lavoro particolarmente gravose:

·         in galleria, cava e miniera;

·         in camere ad aria compressa;

·         in spazi sottomarini;

·         ad alte temperature;

·         in spazi ristretti;

·         per asportazione di amianto.

Sono inoltre stati inseriti i lavori svolti su “linee catena”, i lavori notturni e la conduzione di alcuni  veicoli di trasporto collettivi quali autobus urbani.

Ogni anno il numero di  lavoratori che, avendo svolto lavori usuranti per almeno sette sugli ultimi  dieci anni di lavoro, potrebbero beneficiare di questo provvedimento, si stima si attesti sui 5000.

Il costo del prepensionamento di questi lavoratori è già stanziato fino al 2017. Si attende quindi una pronta approvazione del decreto e la sua immediata entrata in vigore.

 

 

 

Fonte: QUOTIDIANO SICUREZZA