News

August 17
April 17
March 17
May 15
April 15
March 15
November 14
October 14
July 14
June 14
May 14
April 14
March 14
February 14
January 14
December 13
November 13
October 13
September 13
July 13
June 13
May 13
April 13
March 13
February 13
January 13
December 12
November 12
October 12
September 12
July 12
June 12
May 12
April 12
March 12
February 12
January 12
December 11
November 11
October 11
September 11
August 11
July 11
June 11
May 11
April 11
March 11
February 11
January 11
December 10
November 10
October 10
September 10
August 10
July 10
June 10
May 10
April 10
March 10
February 10
January 10
December 09
November 09
October 09
July 09
May 09
April 09

Mancata vidimazione del registro infortuni: applicabilità della sanzione ( 28-03-2014)


L’art. 53, comma 6 del D. Lgs. n. 81/2008 sancisce che: “fino ai sei mesi successivi all’adozione del decreto interministeriale di cui all’art. 8 comma 4, del presente decreto restano in vigore le disposizioni relative al registro infortuni ed ai registri degli esposti ad agenti cancerogeni e biologici”. A tal proposito, il Consiglio Nazionale dell’ordine dei Consulenti del Lavoro ha avanzato istanza di interpello per conoscere il parere della Commissione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in merito all’applicabilità della sanzione per mancata vidimazione del registro infortuni in seguito all’entrata in vigore del T.U. sopra citato. La Commissione chiarisce che sono soggette alla tenuta del registro infortuni tutte le aziende che ricadono nella sfera di applicazione del T.U. e che la mancata tenuta o vidimazione comporta per il datore di lavoro l’applicazione della sanzione amministrativa prevista dall’art. 89, comma 3 del D. Lgs. 626/1994; tutto questo in attesa del nuovo decreto interministeriale, istitutivo del SINP, che disciplinerà le modalità di comunicazione degli infortuni e che farà venir meno le disposizioni relative al registro infortuni e le relative disposizioni sanzionatorie. Fonte: Ministero del Lavoro


Sicurezza negli appalti: obblighi documentali per l’impresa appaltatrice ( 29-03-2014)


L’art. 26 del D. Lgs. n. 81/2008 stabilisce che l’impresa appaltatrice è tenuta a consegnare al committente: - Copia del modello LAV; - Consenso all’utilizzo dei dati sottoscritto da ogni lavoratore; - Copia del DUVRI della ditta appaltatrice; - Dichiarazione che i dipendenti dell’impresa sono in possesso del certificato di idoneità fisica; - Autocertificazione di idoneità tecnico professionale. Il consiglio Nazionale dei dottori commercialisti e dei revisori contabili, a tal proposito, ha avanzato istanza di interpello al Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali in merito ai documenti che l’impresa appaltatrice è obbligata a consegnare al committente. La Commissione stabilisce che, in attesa dell’emanazione del Decreto di cui all’art. 6, comma 8, lettera g), sono elementi sufficienti a soddisfare la valutazione dell’idoneità tecnico professionale il certificato di iscrizione alla camera di commercio, industria e artigianato e dell’autocertificazione dell’impresa appaltatrice o dei lavoratori autonomi del possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale. Fonte: Ministero del Lavoro