News

August 17
April 17
March 17
May 15
April 15
March 15
November 14
October 14
July 14
June 14
May 14
April 14
March 14
February 14
January 14
December 13
November 13
October 13
September 13
July 13
June 13
May 13
April 13
March 13
February 13
January 13
December 12
November 12
October 12
September 12
July 12
June 12
May 12
April 12
March 12
February 12
January 12
December 11
November 11
October 11
September 11
August 11
July 11
June 11
May 11
April 11
March 11
February 11
January 11
December 10
November 10
October 10
September 10
August 10
July 10
June 10
May 10
April 10
March 10
February 10
January 10
December 09
November 09
October 09
July 09
May 09
April 09

Un RSPP esterno per la sicurezza sul lavoro in azienda ( 10-04-2017)

Nel contesto sempre attuale della sicurezza sul lavoro, il RSPP, sigla con cui viene indicato il responsabile del servizio di prevenzione e protezione, è una figura chiamata a valutare i fattori di rischio, elaborare le necessarie procedure di sicurezza e fornire ai lavoratori tutte le informazioni necessarie in proposito.

Facendo proprie le direttive europee sull'argomento, anche l'Italia ha introdotto nel suo ordinamento la figura del responsabile servizio prevenzione e protezione Decreto legislativo n. 81 del 2008.

Nel contesto sempre attuale della sicurezza sul lavoro, il RSPP, sigla con cui viene indicato il responsabile del servizio di prevenzione e protezione, è una figura chiamata a valutare i fattori di rischio, elaborare le necessarie procedure di sicurezza e fornire ai lavoratori tutte le informazioni necessarie in proposito.

Il RSPP di un'azienda può essere il datore di lavoro stesso, in alcuni casi, oppure un membro esterno o uno dei lavoratori. In ogni caso, deve essere nominato dal datore di lavoro, purché il soggetto scelto sia in possesso delle capacità e della formazione necessaria ad assolvere il compito per cui è stato selezionato.

Se il datore di lavoro non può o non vuole diventare il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e non ci sono membri dell'azienda con i requisiti necessari, la scelta non può che ricadere su un professionista esterno, che abbia frequentato i corsi di formazione e aggiornamento e sia pronto a migliorare la sicurezza sul luogo di lavoro.

I compiti e le responsabilità di un RSPP esterno

Il primo compito di un responsabile del servizio di prevenzione e protezione esterno è quello di valutare oggettivamente, grazie alla sua posizione di neutralità data dal non essere un membro dell'azienda, le principali criticità del luogo di lavoro.

In seguito, elabora misure preventive in base ai fattori di rischio rilevati e si consulta con il datore di lavoro, che rimane il principale responsabile della sicurezza della propria azienda, per aggiornare le misure di prevenzione e distribuire informazioni ai lavoratori. Per conoscere tutti i compiti dell’incarico RSPP esterno vedere www.studiohs.it/sicurezza_sul_lavoro/rspp_esterno_responsabile_sicurezza.asp

Insieme al datore di lavoro, il medico competente e il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, si occupa inoltre di stilare il documento di valutazione dei rischi (DVR) e prende parte alla riunione periodica sulla sicurezza sul lavoro.

Anche se non è un membro interno dell'azienda, è tenuto al segreto riguardo i processi lavorativi di cui viene a conoscenza nell'esercizio del suo compito. Deve inoltre mantenersi sempre aggiornato in materia di sicurezza frequentando dei corsi di aggiornamento quinquennali e partecipando a convegni e seminari.

In base al tipo di azienda che beneficerà dei suoi servizi, il responsabile del servizio di protezione e prevenzione può frequentare dei moduli di specializzazione sull'ambito sanitario, chimico, di pesca e agricoltura e di cave e costruzioni.